Progettazione logica di un DBMS, dal modello concettuale a quello logico

Progettazione logica di un DBMS

I Database Management Systems (DBMS) sono diventati strumenti indispensabili per la gestione efficace dei dati. Al cuore di ogni DBMS efficace vi è una solida progettazione logica, essenziale per garantire prestazioni ottimali, scalabilità e sicurezza. La progettazione logica di un DBMS non riguarda solo la creazione di una struttura di database che soddisfi le esigenze attuali, ma anche l’anticipazione delle necessità future, garantendo che il sistema sia versatile e adattabile.

INDICE

Progettazione logica

Il processo di progettazione logica inizia con la comprensione approfondita dei requisiti dell’utente e si traduce nella creazione di un modello di dati che riflette queste necessità in modo strutturato. Questo modello serve da ponte tra il mondo reale e il sistema di database, fornendo una base per la strutturazione fisica del database. La progettazione logica è quindi un passo cruciale che influisce direttamente sull’efficienza, l’integrità e l’affidabilità di un sistema di gestione dei dati.

La progettazione logica di un DBMS non è un compito da prendere alla leggera. Richiede una comprensione dettagliata del dominio di applicazione, un’attenta analisi dei requisiti e una progettazione meticolosa. Questo processo non solo garantisce che il database possa gestire efficientemente le richieste degli utenti, ma aiuta anche a prevenire problemi comuni quali ridondanze di dati, inconsistenze e problemi di integrità dei dati.

Esploreremo insieme i vari aspetti della progettazione logica di un DBMS, dai modelli di dati alla normalizzazione, fornendo una guida completa per chiunque desideri approfondire questo ambito fondamentale nel mondo dei database.

Dallo schema E-R allo schema logico

La transizione da uno schema Entità-Relazione (E-R) a uno schema logico in un DBMS è una fase cruciale che richiede una serie di trasformazioni e adattamenti. Questo processo assicura che il design concettuale possa essere implementato efficacemente nel modello relazionale.

Revisione dello Schema E-R

Inizialmente, lo schema E-R viene sottoposto a un’analisi dettagliata per assicurare che tutti i suoi elementi siano allineati con le regole del modello relazionale. Questo passaggio può richiedere l’aggiustamento di alcune strutture per adattarle al formato richiesto dal modello logico.

Collegamento tra Entità: È fondamentale garantire che ogni entità nello schema E-R sia collegata ad altre entità. Questo assicura che, una volta trasformato in un modello relazionale, ogni tabella possa essere correlata con altre per mantenere le relazioni necessarie.

Gestione degli attributi composti: Gli attributi composti dello schema E-R possono essere trattati in due modi: o dividendo l’attributo composto nei suoi sotto attributi o trattandolo come un attributo singolo. Questa scelta dipende dalla natura dell’attributo e dalla sua rilevanza nel modello relazionale.

Conversione degli attributi multivalore: Gli attributi multivalore nello schema E-R vengono trasformati in entità separate. Questo implica la creazione di nuove tabelle che rappresentano questi attributi, con relazioni appropriate (uno-a-molti o molti-a-molti) per collegarle all’entità originale.

Rielaborazione delle gerarchie: Le gerarchie di generalizzazione nello schema E-R vengono riconfigurate in un’unica entità. Questo adattamento è necessario poiché il modello relazionale non supporta direttamente le strutture gerarchiche.

Regole di derivazione dal modello concettuale al modello logico

Le principali regole di derivazione dal modello concettuale al modello logico in un sistema di gestione di database (DBMS) sono fondamentali per assicurare che il design astratto e teorico del modello concettuale sia accuratamente tradotto in una struttura pratica e utilizzabile nel modello logico. Queste regole garantiscono che il database sia efficiente, coerente e aderente ai requisiti del sistema.

Trasformazione delle Entità

Ogni entità nel modello concettuale viene trasformata in una tabella nel modello logico. Ogni attributo dell’entità diventa una colonna nella tabella corrispondente, e l’identificatore unico dell’entità diventa la chiave primaria della tabella.

Esempio

Modello E/R:

Immaginiamo di avere un’entità Studente nel modello E/R. Questa entità ha i seguenti attributi:

  • Matricola (chiave primaria)
  • Nome
  • Cognome
  • DataDiNascita
  • Email

Trasformazione nel Modello Logico:

Nel modello logico, l’entità Studente diventa una tabella. Ogni attributo dell’entità diventa una colonna nella tabella. La trasformazione sarebbe quindi:

Tabella: Studente

  • Matricola: NUMERO (tipo di dato numerico adeguato alla dimensione prevista per le matricole). Questo è un numero unico identificativo per ogni studente e funge da chiave primaria.
  • Nome: STRINGA(50). Questo campo memorizza il nome dello studente. La lunghezza di 50 caratteri è un esempio; può essere adeguata in base alle esigenze specifiche.
  • Cognome: STRINGA(50). Simile al campo nome, memorizza il cognome dello studente.
  • DataDiNascita: DATA. Questo campo memorizza la data di nascita dello studente utilizzando il tipo di dato specifico per le date.
  • Email: STRINGA(20). Questo campo memorizza l’indirizzo email dello studente.

In questa struttura, ogni attributo è associato a un tipo di dato specifico che aiuta a definire le proprietà di quel campo nel database. Ad esempio, VARCHAR(50) indica una stringa di caratteri con una lunghezza massima di 50 caratteri. Questi tipi di dati aiutano a garantire che i dati inseriti nel database siano consistenti e nel formato corretto.

Trasformazione delle Relazioni

Le relazioni tra entità nello schema E-R vengono convertite in base alla loro cardinalità e al numero di entità coinvolte.

  • Relazioni Uno-a-Uno: Le relazioni uno-a-uno (1,1) possono essere unificate, combinando gli attributi di entrambe le entità in una singola tabella.
  • Relazioni Uno-a-Molti: La tabella che rappresenta l’entità “molti” include una chiave esterna che fa riferimento alla chiave primaria dell’entità “uno”.
  • Relazioni Molti-a-Molti: Richiedono la creazione di una tabella di collegamento separata che include chiavi esterne che fanno riferimento alle chiavi primarie delle entità coinvolte.
Esempio relazioni Uno-a-Uno

Esempio relazioni Uno-a-Uno

Entità Studente:

  • Matricola (chiave primaria)
  • Nome
  • Cognome

Entità CartaIdentita:

  • Numero (chiave primaria)
  • DataRilascio
  • EnteRilascio
  • MatricolaStudente

Ogni studente ha una e una sola carta di identità, e ogni carta di identità è associata a uno e un solo studente.

Trasformazione nel Modello Logico

Unendo le entità “Studente” e “Carta di Identità” in una singola tabella, si ottiene la seguente struttura:

Tabella: Studente

  • Matricola: INTERO (Chiave Primaria)
  • Nome: STRINGA(50)
  • Cognome: STRINGA(50)
  • NumeroCartaIdentita: STRINGA(20)
  • DataRilascioCartaIdentita: DATA
  • EnteRilascioCartaIdentita: STRINGA(100)
Esempio relazioni Molti-a-Molti

Esaminiamo un esempio di relazione Molti-a-Molti utilizzando le entità “Studente” e “Corso”. In una relazione Molti-a-Molti, un studente può iscriversi a molti corsi e, allo stesso tempo, un corso può avere molti studenti iscritti.

Esempio relazioni Molti-a-Molti

Modello E/R:

Entità “Studente”:

  • Matricola (chiave primaria)
  • Nome
  • Cognome

Entità “Corso”:

  • CodiceCorso (chiave primaria)
  • Nome
  • Crediti

Relazione Molti-a-Molti tra “Studente” e “Corso”.

Trasformazione nel Modello Logico:

Per gestire una relazione Molti-a-Molti, creiamo una nuova tabella di collegamento, spesso chiamata tabella associativa o tabella di giunzione, che include le chiavi esterne che fanno riferimento alle chiavi primarie delle entità coinvolte.

Tabella: Studente

  • Matricola: INTERO (Chiave Primaria)
  • Nome: STRINGA(50)
  • Cognome: STRINGA(50)

Tabella: Corso

  • CodiceCorso: INTERO (Chiave Primaria)
  • Nome: STRINGA(100)
  • Crediti: INTERO

Tabella di Collegamento: Iscritto

  • IdIscritto: INTERO
  • MatricolaStudente: INTERO (Chiave Esterna che fa riferimento a Studente.Matricola)
  • CodiceCorso: INTERO (Chiave Esterna che fa riferimento a Corso.CodiceCorso)
  • DataIscrizione: DATA

Gestione degli attributi composti e multivalore

  • Gli attributi composti vengono scomposti nei loro componenti base, che diventano attributi separati nella tabella.
  • Gli attributi multivalore necessitano della creazione di una nuova tabella per gestire le multiple occorrenze, assicurando che ogni valore sia collegato all’entità originale tramite una chiave esterna.

Queste regole di derivazione forniscono una struttura metodologica per assicurare che il modello logico sia funzionale, efficiente e aderente ai requisiti di business definiti nel modello concettuale. La loro corretta applicazione è cruciale per lo sviluppo di un DBMS robusto e performante.

Comprensione dei Modelli di Dati

I modelli di dati sono il fondamento su cui si costruisce ogni DBMS. Essi definiscono il modo in cui i dati sono organizzati, memorizzati e interconnessi, influenzando direttamente la progettazione logica e l’efficienza operativa di un database.

Tra i modelli più diffusi troviamo il modello Entità-Relazione (ER), utilizzato per progettare il database a un livello più concettuale. Ogni modello ha le sue peculiarità e viene scelto in base alle specifiche esigenze del progetto.

Un aspetto cruciale nella progettazione logica di un DBMS è la comprensione del suo ciclo di vita. Il ciclo di vita di un DBMS inizia con l’analisi dei requisiti, dove si definiscono le necessità informative e le funzionalità richieste dall’utente o dall’organizzazione. Questa fase è seguita dalla progettazione concettuale, che si occupa della creazione di un modello di alto livello del database, solitamente attraverso l’utilizzo di diagrammi ER.

Successivamente, si passa alla progettazione logica, dove il modello concettuale viene trasformato in un modello logico basato sul modello di dati scelto. Questa fase include la definizione di tabelle, campi, tipi di dati e relazioni tra le diverse entità. La normalizzazione, un processo volto a ridurre la ridondanza dei dati e a migliorare l’integrità, gioca un ruolo fondamentale in questa fase.

Dopo la progettazione logica, il modello logico viene implementato fisicamente nel DBMS durante la fase di progettazione fisica. Qui si prendono decisioni riguardanti l’archiviazione fisica dei dati, l’indice e la strategia di accesso, ottimizzando il database per prestazioni e affidabilità.

Il ciclo di vita si conclude con la manutenzione e l’aggiornamento continui del DBMS, per garantire che continui a soddisfare le esigenze in evoluzione dell’organizzazione e degli utenti. Questa fase può includere l’aggiornamento di hardware e software, la modifica delle strutture di database per riflettere i cambiamenti nei requisiti o la risoluzione di problemi di prestazioni.

Comprendere il ciclo di vita di un DBMS è essenziale per garantire che la progettazione logica sia allineata con le esigenze dell’utente.

Segui Digital Teacher anche sui canali social

Youtube  Facebook  Instagram